Dicono di noi

La Tribuna di Treviso 19/04/2011

DOPO L’ACCUSA DI ATALMI
Vessilli rimossi, Azzolini si scusa

MOGLIANO. Bandiere negate ai gazebo del centrosinistra, mea culpa di Azzolini: «Spiacevole inconveniente». Domenica mattina la polizia locale moglianese è intervenuta ai gazebi delle forze politiche in lizza per le provinciali obbligandoli a rimuovere i vessilli e i loghi di partito. «A Mogliano non esiste alcun divieto di esporre bandiere di partito nei gazebo elettorali – replica Azzolini alle accuse mossegli in particolare da Atalmi di Sinistra Trevigiana – il confronto è il sale della democrazia e, come sindaco, ho il dovere di promuovere occasioni di dialogo. Non esiste alcuna ordinanza e la direttiva del Ministero degli Interni è chiarissima: si possono esporre vessilli, bandiere e loghi di partito all’interno del perimetro del gazebo. Ciò che è successo è spiacevole, è sicuramente un malinteso, ma frutto di chi, anche in queste occasioni, cerca di alzare i toni, tirando per la giacchetta i nostri vigili». (m.m.)

La Tribuna di Treviso 19/04/2011

DOPO L’ACCUSA DI ATALMI
Vessilli rimossi, Azzolini si scusa

MOGLIANO. Bandiere negate ai gazebo del centrosinistra, mea culpa di Azzolini: «Spiacevole inconveniente». Domenica mattina la polizia locale moglianese è intervenuta ai gazebi delle forze politiche in lizza per le provinciali obbligandoli a rimuovere i vessilli e i loghi di partito. «A Mogliano non esiste alcun divieto di esporre bandiere di partito nei gazebo elettorali – replica Azzolini alle accuse mossegli in particolare da Atalmi di Sinistra Trevigiana – il confronto è il sale della democrazia e, come sindaco, ho il dovere di promuovere occasioni di dialogo. Non esiste alcuna ordinanza e la direttiva del Ministero degli Interni è chiarissima: si possono esporre vessilli, bandiere e loghi di partito all’interno del perimetro del gazebo. Ciò che è successo è spiacevole, è sicuramente un malinteso, ma frutto di chi, anche in queste occasioni, cerca di alzare i toni, tirando per la giacchetta i nostri vigili». (m.m.)

Oggi Treviso 11/04/2011: RIMBORSO IVA SUI RIFIUTI, PARTITA UNA CAUSA PILOTA

Un’Altra Treviso ne rimarca le valenze anche politiche e consiglia ai trevigiani di farla a loro volta

TREVISO – Una causa pilota per ottenere la restituzione dell’Iva non dovuta sulla tariffa rifiuti e mai rimborsata da Trevisoservizi. E’ stata inviata al Giudice di Pace lo scorso 9 aprile da R. D., residente a Treviso, forte della sentenza n. 238 del 2009, con cui la Corte Costituzionale ha sancito la natura tributaria sia della Tarsu (la vecchia “tassa rifiuti”) che della Tia (la “tariffa” attualmente pagata a Treviso). Sostiene il contribuente Un’Altra Treviso visto che poiché si tratta di tasse è inapplicabile l’Iva del 10% che è stata, invece, fatta pagare agli utenti.

“Trevisoservizi – afferma Luigi Calesso (nella foto) di Un’Altra Treviso – ha sempre rifiutato di rimborsare l’imposta sul valore aggiunto agli utenti che l’hanno pagata e anzi ha continuato ad applicarla anche sulle bollette successive, incluse quelle che stanno arrivando nelle case dei trevisani in questi giorni, relative al 2011”.

In particolare il contribuente che si è appellato al giudice di pace come dettagliato nel ricorso che alleghiamo, ha inviato a Trevisoservizi la richiesta di rimborso dell’Iva sulla Tia il 3 dicembre 2009, ricevendo risposta negativa datata 9 dicembre 2009. Il 16 novembre 2010 ha inviato a Trevisoservizi la diffida ad adempiere alla richiesta di rimborso, diffida a cui non è seguita risposta.

Dopo tali dinieghi e visto le sentenze favorevoli ai contribuenti che hanno richiesto il rimborso, sentenze emesse sia dal Giudice di Pace di Venezia che, più di recente, dalla Commissione tributaria di Treviso, R.D. ha deciso di ricorrere al Giudice di Pace di Treviso per ottenere la restituzione dell’Iva indebitamente pagata. Il ricorso che alleghiamo allegato rappresenta, quindi, una vera e propria “causa pilota” il cui successo permetterà a tutti i contribuenti trevisani di ottenere il rimborso dell’Iva sulla tariffa rifiuti con il solo costo del contributo unificato per i ricorsi pari a 33 euro.

Calesso fa notare che la cifra dei rimborsi per i 5 anni per cui sono richiedibili è inferiore ai 2.500 euro e permette di affrontare la causa senza l’ausilio di un legale in quanto l’importo oscilla mediamente tra i 100 e i 200 euro per una famiglia tipo. “E’ evidente – ha commentato Calesso – la convenienza nel promuovere la causa giudiziaria. Con il ricorso il signor R.D. richiede il rimborso di quanto versato e non dovuto a titolo di Iva sulla Tia per gli anni dal 2004 al 2010, oltre agli interessi legali decorrenti dal giorno dei singoli pagamenti e l’immediata cancellazione dalle future fatture e dai ruoli dell’Iva”.

L’attivista fa inoltre notare la valenza politica di questa causa pilota che è “un tentativo esplicito di far tornare il rapporto contribuente-istituzioni nei binari della trasparenza e del rispetto della legalità: non è possibile, infatti, che l’utente sia tenuto a pagare un’imposta dopo che la Corte Costituzionale ha sancito l’inesistenza del presupposto su cui essa si basa”. Calesso ricorda anche che come è già accaduto per il “doppio canone” fognario, la strada per ottenere i rimborsi “trova numerosi ostacoli nelle amministrazioni locali, ma la vittoria in questa “causa pilota” potrebbe costringere Trevisoservizi a fare i conti con la restituzione ai trevisani di qualche milione di euro”.

Richiesta di rimborso dell’IVA relativa al pagamento della Tariffa di Igiene Ambientale

Il Gazzettino 14 marzo: Sinistra unita per Floriana

di Paolo Calia

Lunedì 14 Marzo 2011,
Una sola lista che sappia unire tutte le anime della sinistra trevigiana: da Rifondazione al movimento che ha in Niki Vendola il suo punto di riferimento. Lo chiedono in tanti, da un po’ tutti gli schieramenti e dai sindacati, per coronare il sogno di vedere un blocco compatto a sostegno di Floriana Casellato nella corsa alla presidenza della provincia. Inizia oggi una settimana molto delicata per la composizione dell’alleanza che vorrebbe contrastare la corsa verso la riconferma alla presidenza di Leonardo Muraro. Pd e Italia dei Valori stanno già parlando da alleati, mentre l’ipotesi di attirare anche l’Udc diventa ogni giorno che passa un’ipotesi irreale. A sinistra invece qualcosa si muove per creare un’entità unica come, nella Marca, non si vede da tempo e dare così alla Casellato un terzo, importante, punto d’appoggio.
«È tempo di cambiare, di mandare a casa una classe politica incapace ed arraffona e per farlo serve una sinistra unita e forte a sostegno della candidata Floriana Casellato – si legge in una petizione che, in questi giorni, sta girando per le segreterie di partiti e sindacati raccogliendo le prime adesioni – le prossime elezioni amministrative saranno una prova molto dura, anche per l’ennesimo taglio alla rappresentanza democratica che ha ridotto il numero di consiglieri mentre quello dei ben più costosi politici romani non viene mai toccato. Per questo noi ci impegniamo affinché divisioni partitiche del passato non impediscano nella Marca trevigiana la costruzione di una unica lista a sinistra per le elezioni provinciali, come anche per quelle dei maggiori comuni che vanno al voto: una lista aperta nel segno del rinnovamento, fatta di donne e di giovani, per garantirci una presenza qualificata della sinistra nei luoghi della democrazia più vicini ai cittadini».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...